La prudenza in Aristotele

La Prudence chez Aristote è uno dei più importanti contributi della letteratura aristotelica del XX secolo, e indubbiamente fra quelli che hanno suscitato vasto dibattito sull'opera dello Stagirita. Se Aristotele ha presente l'intellettualismo etico di matrice socratica (evocato nell'incipit dell'Etica Nicomachea), si spinge anche molto al di là. Fra i punti più salienti dell'opera di Aubenque, c'è l'interpretazione dell'etica aristotelica in termini di "intellettualismo esistenziale": l'incertezza, l'incompiutezza del mondo sublunare, rendono decisivo l'intervento della phróne¯sis individuale (il termine è tradotto dall'autore con prudenza, sulla scorta della terminologia ciceroniana). La virtù scaturisce quindi dal ruolo e dalla scelta dell'uomo rispetto alle condizioni varie e mutevoli del reale, piuttosto che dalla definizione ideale (platonica) del comportamento virtuoso. Indagando i rapporti tra metafisica, cosmologia ed etica aristoteliche, Aubenque fornisce una chiave di lettura rinnovata e convincente della riflessione morale dello Stagirita.