Possessore: Speciano, Cesare
<1539-1607> Vescovo di Novara (1582-1591), nunzio apostolico in Spagna (1585-1588), nunzio apostolico a Praga (1592-1597), vescovo di Cremona (1591-1607). Lasciò la sua biblioteca, di oltre 1200 volumi, al Collegio dei Gesuiti di Cremona, da lui istituito. Alla soppressione dell'ordine (1773) la biblioteca dei Gesuiti passò all'Impero asburgico divenendo il primo nucleo dell'Imperial Regia Biblioteca inaugurata nel 1780. Un inventario della biblioteca personale di Cesare Speciano è quello allegato al testamento: Milano, Biblioteca Trivulziana  cod. B 79 (1125), fasc. xxviii, Catalogo della libraria di monsignor illustrissimo vescovo Speciano 1607. Cum brevi manuscriptorum indice 1631. Un altro, non molto dissimile, è in Archivio storico diocesano di Cremona, Archivio del Capitolo, b. 104 (ex 95), fasc. 3. Cfr. E. Rangognini, Le cinquecentine praghesi del nunzio S., in «Annali della Biblioteca Governativa e Libreria Civica di Cremona» XXXVII (1986), pp. 67-93; DBI 93, Roma 2018, pp. 559-561.
Voci di rinvio:
  • Speciani, Cesare
BCR - FA.25.4.35 verso della guardia

BCR - FA.25.4.35, sul verso della carta di guardia ex libris calcografico alle armi; motto: COGITAVI DIES ANTIQUOS ET ANNOS AE | TERNOS IN MENTE HABUI, Psal 76

Segno di possesso: 

  • Ex libris

Biblioteca di appartenenza:

BCR - Biblioteca Statale di Cremona
Collocazione
FA.25.4.35
Numero seriale: 2598
Scheda: FC