Golem e i documenti ufficiali ...

Biblioteca Marciana newsletter

numero 3 - autunno 2000

4

Golem e i documenti ufficiali delle magistrature veneziane

Il Progetto Golem, del quale si è data notizia nel numero precedente di questo notiziario, sta per concludere la sua prima fase. La riconversione on line dei dati del Catalogo cartaceo per autori sta per arrivare alla lettera Z. (Non tutti i dati, a quel punto, risulteranno tuttavia definitivamente convertiti, dovendo essere ricontrollata la riconversione di tutte le schede manoscritte risultate illeggibili o parzialmente leggibili). Durante le operazioni di controllo e sistemazione delle voci d'intestazione delle ultime lettere dell'alfabeto ci si è imbattuti in un problema di non secondaria importanza.

La Marciana conserva tra le proprie collezioni un patrimonio di grande valore storico rappresentato da centinaia di documenti ufficiali a stampa emessi dalle magistrature veneziane fino alla caduta della Repubblica (Senato, Maggior Consiglio, Consiglio dei Dieci e decine di altri organi giudiziari, finanziari ed amministrativi) e dagli organi delle autorità politico-territoriali succedutesi in tempi più recenti (Municipalità Provvisoria del 1797, Regno Italico, Lombardo-Veneto, Municipalità Provvisoria del 1848-1849, Dominazione austriaca fino al 1866).

Un buon numero di schede catalografiche, relative a questa tipologia di materiale e prodotte dalla fine dell'Ottocento fino agli inizi del Novecento, sono manoscritte e accomunano molti documenti in un'unica descrizione sommaria spesso intestata ad una voce formale quale "Raccolta, Terminazione, Parte presa, Ordine, etc.". Tali documenti, emanati da fonti diverse e stampati da diverse officine tipografiche, legati insieme per affinità di contenuto in poderosi volumi miscellanei, rappresentano ognuno un'edizione a sé stante.

Per la riconversione di questi dati è stato quindi impossibile prescindere da un oneroso impegno di ricatalogazione di ogni singolo documento, che ha portato alla produzione di circa tremila nuove registrazioni bibliografiche. I criteri adottati per tale operazione si sono basati in gran parte su quelli suggeriti dal manuale Guida alla catalogazione di bandi, manifesti e fogli volanti. [A cura dell'] Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle biblioteche italiane e per le Informazioni Bibliografiche, Roma 1999. Concetti basilari in questa normativa sono quello di autorità politico territoriale (accesso principale alla notizia bibliografica) e quello di organo (accesso secondario alla notizia).

Si è deciso di non fornire ulteriori accessi normalizzati ai nomi di persona, neanche quando essi compaiono sul frontespizio: le modalità di ricerca nell'OPAC della base dati Golem consentono infatti il recupero di queste informazioni digitando il nome cercato nel campo del Titolo o delle Parole chiave. Si è invece rilevata sempre l'impronta delle edizioni del XVI secolo, e talvolta di quelle del XVII, per facilitare il confronto a distanza con altri esemplari.

Maria Grazia Negri