Convegno su Rawdon Brown

Biblioteca Marciana newsletter

numero 7 - autunno 2004

12

Convegno su Rawdon Brown

Il 7 e l'8 novembre 2003 si è tenuto il Convegno Internazionale di studi dedicato a Rawdon Brown, dal titolo "Venetian Sources and Historians of Venice in the Nineteenth and Early Twentieth Centuries" (Comitato scientifico: Frances Clarke, Michela Dal Borgo, John E. Law, Claudio Povolo). L'iniziativa è stata promossa da: Archivio di Stato di Venezia, Biblioteca Nazionale Marciana, Gladys Krieble Delmas Foundation, Scuola Grande di San Giovanni Evangelista, Università di Venezia, University of Wales (Swansea, UK), Venice in Peril.

Rawdon Brown (1803-1883) è conosciuto prevalentemente per le sue ricerche negli archivi veneziani. Intorno al 1833, durante una vacanza, Brown fece una prima visita a Venezia: la città esercitò su di lui un fascino così forte che non riuscì più a lasciarla e qui rimase fino alla sua morte, cinquant'anni più tardi.
Acquisì una straordinaria conoscenza della sua storia e delle sue antichità, e trascorse la maggior parte della vita a studiarne gli archivi. Fu il primo ad apprezzare l'importanza delle relazioni dei dispacci che gli ambasciatori veneziani a Londra inviavano alla Repubblica durante il sedicesimo e diciassettesimo secolo.

Dopo aver completato alcune originali ricerche sulla vita e le opere dello storico veneziano Marin Sanudo, scrisse un resoconto su "Quattro anni alla corte di Enrico VIII" (1854), tratto dai dispacci di Sebastiano Giustiniani, l'ambasciatore veneziano a Londra all'inizio del regno di Enrico VIII.
La nuova luce che questo libro gettò sul rapporto tra gli archivi veneziani e la storia inglese indusse Lord Palmerston, su richiesta dei più importanti intellettuali inglesi, ad affidare a Brown, nel 1862, il compito di recensire quei documenti di Stato veneziani che trattavano di storia inglese.

Questo lavoro impegnò tutta l'attenzione di Brown per il resto della sua vita. Si calcola che abbia esaminato migliaia di faldoni di documenti, la maggior parte a Venezia, ma alcuni in altre città del Nord Italia. Brown fu sempre pronto ad aiutare gli studiosi che si rivolgevano a lui. Era popolare presso tutte le classi sociali a Venezia e molto ospitale verso i visitatori inglesi. Morì a Venezia il 25 agosto del 1883.

Annalisa Bruni