Venezia fra arte e guerra, 1866 1918

da Venerdì, 12 Dicembre 2003 a Domenica, 21 Marzo 2004

Opere di difesa, patrimonio culturale, artisti, fotografi

La mostra che la Soprintendenza per i Beni Architettonici, per il Paesaggio e per il Patrimonio Storico, Artistico e Demoetnoantropologico di Venezia e Laguna ha programmato d'intesa con il Comune di Venezia, il Ministero degli Affari Esteri, il Ministero della Difesa e l'Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano riguarda un momento ancora poco valorizzato per la storia della città. Si tratta, infatti, del periodo che va dall'unione di Venezia al Regno d'Italia (1866), fino alla conclusione della Prima Guerra Mondiale.
La vicinanza al fronte della Grande Guerra aveva determinato preoccupazioni e timori per la salvaguardia della città, tanto che vennero promossi dalle Soprintendenze veneziane, su precise indicazioni del Ministero dell'Istruzione, provvedimenti a tutela del patrimonio storico ed artistico.

Un settore della mostra riguarderà la produzione legata al tema della guerra a Venezia e sul mare, in particolare l'opera di pittori, molti dei quali combattenti, che hanno vissuto in prima persona le vicende belliche, fra i quali Giovanni Fattori, Ippolito Caffi, Gerolamo Induno, Anselmo Bucci, Cipriano Efisio Oppo, Italico Brass, Aldo Carpi, Vito Lombardi, Tommaso Cascella, Pietro Morando, Rudolf Claudus, Giulio Aristide Sartorio. Sarà anche presente l'opera di un artista contemporaneo, Paolo Tessari, che ha rivisitato la battaglia di Custoza attraverso una serie di serigrafie tratte da riproduzioni originali delle uniformi dei soldati.
Saranno anche esposti modelli vari di opere di difesa, mezzi di trasporto, opere permanenti, provenienti da collezioni private e da musei italiani e stranieri.

Le sedi della mostra saranno due, incentrate sulla polarità della Piazza San Marco:

  • le sale espositive del Museo Correr
  • la Sala Sansoviniana della Biblioteca Marciana.

Fra i principali enti prestatori sono annoverati: l'Heeresgeschichtliches Museum ed il Kriegsarchiv di Vienna, il Museo dell'Istituto Storico e di Cultura dell'Arma del Genio, il Museo del Vittoriano, le collezioni d'arte del Ministero degli Affari Esteri; il Museo Storico dell'Arsenale, il Museo Correr e la Galleria d'Arte Moderna di Venezia; il Museo Tecnico Navale presso l'Arsenale della Marina Militare della Spezia; i Musei del Risorgimento di Genova, Milano e Torino; il Museo Storico della Guerra di Rovereto.

Si prevede di corredare la mostra con la proiezione di audiovisivi, consistenti in brani di filmati originali e di produzione cinematografica novecentesca.

Per approfondire:
mostre. museiciviciveneziani. it /frame.asp?musid=61&sezione=mostre

La mostra si tiene presso le Sale Monumentali della Biblioteca Marciana di Venezia
(Libreria Sansoviniana, ingresso dal Museo Correr: la mostra è inserita nel percorso integrrato dei Musei di Piazza San Marco)

Per ulteriori informazioni:

Biblioteca Nazionale Marciana
Ufficio Stampa:
Annalisa Bruni
tel. 041.2407241, fax: 041.5238803
e-mail: bruni@marciana.venezia.sbn.it