La vita nei libri

da Venerdì, 13 Giugno 2003 a Martedì, 30 Settembre 2003

Fondazione "Giorgio Cini" - Biblioteca Nazionale Marciana

La vita nei libri.
Edizioni illustrate a stampa del Quattro e Cinquecento dalla Fondazione Giorgio Cini

La Fondazione Giorgio Cini e la Biblioteca Nazionale Marciana (Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione Generale per i Beni Librari e gli Istituti Culturali) annunciano l'apertura della mostra"La vita nei libri. Edizioni illustrate a stampa del Quattro e Cinquecento dalla Fondazione Giorgio Cini".
Sono esposte 140 opere rarissime, alcune delle quali esemplari unici: incunaboli e cinquecentine della collezione permanente della Fondazione Giorgio Cini.

Pasquale Gagliardi, Segretario Generale della Fondazione Giorgio Cini, afferma: "A segnare in modo particolare l'importanza di questa mostra è il fatto che per la prima volta una collezione unica del nostro fondatore, prima aperta solo agli studiosi, diventi accessibile al grande pubblico; questo dimostra l'intento di apertura della Fondazione Giorgio Cini verso l'esterno, che ha avuto inizio quest'anno a Vicenza con la mostra su Neri Pozza".

La mostra, divisa in sezioni, segue un percorso scandito dai temi riguardanti la vita di coloro che acquistavano, leggevano, usavano tali libri: l'educazione, la religione, l'amore, il divertimento, la medicina, il diritto, la politica e la guerra, il tempo, lo spazio, ed infine l'arte del ben morire, così importante perché correlata alla vita eterna.

Marino Zorzi, Direttore della Biblioteca Nazionale Marciana, aggiunge: "Si ritiene che la mostra, che offre materiale forse ignoto, almeno in parte, agli stessi specialisti, costituirà un evento di primaria importanza per gli studiosi della storia del libro; ma potrà suscitare la curiosità di chiunque desideri sapere di più sulla vita, gli interessi, i gusti di chi viveva tra fine Quattrocento e i primi decenni del Cinquecento, decisivo per la storia dell'Occidente".

L'aspetto straordinario di questa collezione è legato a due elementi: la presenza di molti libri illustrati e di pregio, ovvero ornati da incisioni in legno o in rame, atti a documentare l'evolversi dell'illustrazione libraria sin dalle origini della stampa, e la rarità di tali libri, che, a differenza dei classici, dei volumi costosi e di gran mole custoditi nelle biblioteche pubbliche e private, sono andati in gran parte perduti: preghiere, vite della Madonna e dei Santi, pie leggende, poemetti e racconti cavallereschi, raccolte di favole e motti spiritosi. Opere legate alla quotidianità di un pubblico semplice, spesso popolare, che non si preoccupava della loro conservazione; da qui la loro rarità.

 Inoltre, accanto a questi scritti destinati all'uso quotidiano compaiono opere di alto pregio e raffinata qualità, rivolte all'élite culturale del tempo: l'esposizione delinea in tal modo un ritratto accurato della società rinascimentale. Johannes Crispus de Montibus, Repetitio titulorum De heredibus ed De gradibus ..., Venezia, Johann Hamman, 19 ottobre 1490 (part.) (Sezione: Il diritto, la politica, la guerra)

Ad arricchire ulteriormente la preziosità della mostra saranno due postazioni multimediali, che consentiranno la fruizione integrale di oltre settanta tra i rari libri esposti.

La mostra si tiene presso le Sale Monumentali della Biblioteca Marciana di Venezia
(Libreria Sansoviniana, ingresso dal Museo Correr: la mostra è inserita nel percorso integrrato dei Musei di Piazza San Marco)

Per ulteriori informazioni:

Biblioteca Nazionale Marciana
Ufficio Stampa:
Annalisa Bruni
tel. 041.2407241, fax: 041.5238803
e-mail: bruni@marciana.venezia.sbn.it