L'alloro e la porpora : vita di Pietro Bembo

Pietro Bembo fu un attore e un testimone privilegiato del Rinascimento italiano. Scrittore celebrato dai contemporanei, antiquario, uomo di gusto squisito, amante della bellezza (anche femminile) ottenne la duplice consacrazione dell’alloro poetico e della porpora cardinalizia. Nato a Venezia, risiedette presso le maggiori corti italiane, dalla Firenze di Lorenzo il Magnifico a Ferrara, Urbino e Roma. Fu intimo dei Medici e dei Borgia, segretario di papa Leone X e, forse, amante di Lucrezia Borgia, con la quale scambiò lettere d’amore. Bembo fu però anche colui che fissò le norme della lingua letteraria italiana, oltre che il curatore di fondamentali edizioni di Dante e Petrarca. La sua poesia, fondata su una stretta imitazione del poeta di Arezzo, fu decisiva nella diffusione europea del cosiddetto petrarchismo. Amico e mecenate di alcuni dei piú influenti artisti del Rinascimento, da Raffaello a Cellini, non fu estraneo alla cultura scientifica del suo tempo, fin dagli anni giovanili, allorché fissò in un dialogo latino il racconto della sua ascesa all’Etna. Analogamente, seppe intuire le potenzialità dell’industria tipografica, stabilendo una fondamentale collaborazione con Aldo Manuzio. Questa biografia, commissionata dalla Fondation Barbier-Mueller pour l’étude de la poésie italienne de la Renaissance, cerca di ricatturare, per un pubblico di non specialisti, l’irripetibile parabola di Bembo negli anni più gloriosi e tormentati del Rinascimento italiano.