Presentazione del libro: San Pietro e San Marco

Mercoledì, 25 Novembre 2009

Mercoledì 25 novembre 2009, ore 10.30, presso la Libreria Sansoviniana (Piazzetta San Marco 13/a, Venezia) sede monumentale della Biblioteca Nazionale Marciana, sarà presentato il volume:
San Pietro e San Marco. Arte e Iconografia in area adriatica, a cura di Letizia Caselli.

Interverranno
  • Chairman: Maria Letizia Sebastiani, Direttore della Biblioteca Nazionale Marciana
  • Giorgio Orsoni, Primo procuratore della Basilica di San Marco
  • S.E.R. Il Signor Arcivescovo Mons.Dino De Antoni, Arcivescovo metropolita di Gorizia con giurisdizione su Aquileia e sulla Basilica Patriarcale
  • Giovanni Morello, Presidente Comitato Nazionale per le celebrazioni dei 500 anni della fondazione della Basilica di San Pietro
  • Ugo Soragni, Direttore Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Veneto
  • Giancarlo Galan, Presidente Regione del Veneto
  • S.E.R. Il Signor Cardinale Angelo Scola, Patriarca di Venezia
Approfondimenti
  • Chairman: Ileana Chiappini di Sorio, Professore Università Ca' Foscari di Venezia
  • Letizia Caselli, Curatore del volume
  • Carlo Bertelli, Professore Università della Svizzera Italiana
  • Paolo Tomea, Professore Università Cattolica di Milano
  • Massimo Cacciari, Sindaco di Venezia

Il Comitato Nazionale per le celebrazioni del V Centenario della Fondazione della Basilica di San Pietro ha sostenuto e promosso la pubblicazione del volume San Pietro e San Marco. Arte e iconografia in area adriatica a cura di Letizia Caselli, Gangemi Editore Roma, col contributo di IntesaSanpaolo, Camera di Commercio di Venezia, Seppelfriecke SD di Susegana, Regione del Veneto, Comitato Italiano per Venezia Onlus.

Seguirà la visita all’esposizione di alcuni capolavori di oreficeria della Biblioteca.

San Marco, definito da Eusebio di Cesarea “interprete di Pietro” , fu discepolo del primo apostolo, a Roma lo segui nell’attività missionaria e qui scrisse il Vangelo in cui, secondo la tradizione, trascrisse direttamente la testimonianza di ciò che aveva udito.

Il tema elaborato nei secoli da numerosi leggendari ha ispirato nella storia dell’arte d’Oriente e d’Occidente un raro e assai poco esplorato universo artistico e iconografico, con una ricchezza straordinaria di opere. Sculture, mosaici, tavole, tessuti e oreficerie si disseminarono con continuità in oltre nove secoli tra le isole dell’Adriatico sino alle pendici del Monte Athos, per ricongiungersi alle culture del Mediterraneo orientale.

Alla ricostruzione di questa lunga storia delle immagini e del loro ruolo è dedicato il volume, che propone in modo interdisciplinare questa singolare rappresentazione dal mondo tardoantico sino all’apogeo nel mondo medievale.

La ricerca ha impegnato 10 studiosi italiani e stranieri tra i più esperti e quotati della materia con uno sguardo tra la sponda occidentale ed orientale dell’Adriatico ed il Mediterraneo orientale e coinvolto 50 archivi tra italiani europei. Tra essi i Musei Vaticani, il Louvre, la Bibliothèque Nationale de France, la Fabbrica della Cattedrale di San Bavo a Gand, il Victoria and Albert Museum di Londra, gli Staatliche Museen zu Berlin, il Dom-Museum di Hildesheim, la Biblioteca del Capitolo Metropolitano di Praga, il Benaki Museum ad Atene, il Monte Athos.

Con la presentazione veneziana si inaugura la rassegna culturale “La migrazione delle immagini. Oriente Occidente 2009 2010”, che proporrà una serie di iniziative disseminate tra Venezia e la Croazia, che coinvolgeranno persone e luoghi oggetti dello studio, ma anche e soprattutto popoli e civiltà diverse con un approccio interdisciplinare.

Per ulteriori informazioni:

Biblioteca Nazionale Marciana
Ufficio Stampa:
Annalisa Bruni
tel. 041.24.07.23.8
e-mail:bruni@marciana.venezia.sbn.it