Ponti e frontiere

Mercoledì, 20 Ottobre 2004

Mercoledì 20 ottobre, ore 9,30, si terrà all' Ateneo Veneto (San Marco 1897, Campo S. Fantin, 30124 Venezia) una Giornata interdisciplinare di studi dal titolo "Ponti e frontiere", organizzata dalla Biblioteca Nazionale Marciana e dall'Ateneo Veneto Onlus con il patrocinio della Regione del Veneto e della Provincia di Venezia.

Programma:

  • Apertura dei lavori a cura di Tiziana Agostini
  • Marino Zorzi : Venezia, le patrie, le nazioni
  • Simonetta Pelusi: Libri e stampatori a Venezia: un ponte verso i Balcani
  • Alessandro Scarsella: Il ponte: metonimia, simbologia, metodologia del dialogo
  • Filippo Secchieri: Lungo i ponti del racconto
  • Gianfranco Bettin: "Bridge over the troubled water"
  • Giacomo Scotti: La "mini-letteratura" sull'altra sponda dell'Adriatico
  • Predrag Matvejevic: Ponti e frontiere
  • Dibattito
  • Andrea Bonifacio: Conclusioni

Tra imperativi della memoria e riflessione su codici e emblemi del dialogo interculturale, la Giornata interdisciplinare di studi "Ponti e frontiere", inserita nell'ambito della manifestazione Kontakt (giunta nel 2004 alla seconda edizione), intende lanciare uno sguardo comparatistico sui legami storici tra Venezia e i Balcani e sull'attuale dimensione di “ponte” tra le culture che Venezia, a volte segretamente, ancora conserva.

I lavori si dividono idealmente in tre sezioni: la prima di carattere storiografico, la seconda critico-semiologica, l'ultima di carattere letterario, con la presenza di Predrag Matvejevic, autore per l'Editore Garzanti di Mediterraneo (1991), Il Mediterraneo e l'Europa (1998), L' altra Venezia (2003) e del suo traduttore italiano Giacomo Scotti, autore tra l'altro del recente Famiglie dalmate (2003), edito dalla Scuola Dalmata.

Fino alla fine del Settecento, convivevano pacificamente, fianco a fianco, i lombardi di Bergamo, di Brescia e delle valli montane, i tedeschi degli altipiani, i veneti, i friulani, gli slavi del Natisone e dell'interno dell'Istria, gli istriani della costa, i dalmati, sia quelli latini, di origine e di elezione, delle città e delle isole, sia quelli di lingua slava della costa e dell'interno, gli albanesi, i greci delle isole Ionie e di varie terre costiere.
La convivenza era resa possibile da un dominio benevolo , rispettoso delle tradizioni e dei costumi di tutti , intento a perseguire un ideale di giustizia che, certo non sempre realizzato, restava come guida e lume nella condotta dei governanti e come sostanza della fiducia del rispetto"
(Marino Zorzi, Biblioteca Nazionale Marciana, Venezia).

 

"La dimensione dello spazio è una componente imprescindibile non solo dell'interazione ma dello stesso fondamento antropologico della presenza. La pratica degli spazi fisici e culturali si traduce nella creazione di luoghi, ovvero di costruzioni che recano il segno tangibile del transito di valori, idee e delle più disparate figure del desiderio.
Tra i luoghi che costituiscono la geografia elementare dell'essere nel mondo, il ponte e la frontiera rivestono il ruolo di autentici scambiatori dell'esperienza, poli primari del confronto dialogico e dell'integrazione così come del conflitto e della chiusura.
La giornata di studi si propone un attraversamento dinamico di questi luoghi indagati nelle loro plurime valenze artistiche e sociali, nell'intento di fungere da ponte per una ripresa del dialogo interculturale ma altresì dell'umile arte della civile conversazione, indispensabile presupposto della crescita culturale del singolo e della collettività"
(Filippo Secchieri, CARID, Università di Ferrara).

Promosso da KONTAKT 2
In collaborazione con Biblioteca Nazionale Marciana e Ateneo Veneto Onlus
Con il patrocinio di Regione del Veneto e Provincia di Venezia

Ufficio Stampa:
Annalisa Bruni
e-mail:bruni@marciana.venezia.sbn.it
tel. 041.2407241, fax: 041.5238803

Per invio paper e contributi:
Alessandro Scarsella (Biblioteca Nazionale Marciana)
e-mail: scarsella@marciana.venezia.sbn.it
tel. 0412407227

Associazione culturale ASCI ONLUS
Associazione culturale A.N.I.A.
Info: 347.4279004
e-mail: atepelena@hotmali.com

La giornata di studi si inserisce nell'ambito dell'iniziativa KONTAKT 2,
Venezia, maggio – settembre 2004
Incontro con l'arte e la cultura dei Balcani, a cura di Andi Tepelena e Andrea Bonifacio
http://utenti.lycos.it/kontaktvenezia/ponti e frontiere.htm