Omaggio a Marino Zorzi

Sabato, 13 Dicembre 2008

la Biblioteca Marciana rende omaggio a Marino Zorzi con una miscellanea di studi in suo onore

Sabato 13 dicembre 2008, alle ore 11.00, nell’Antisala della Libreria Sansoviniana (Piazzetta San Marco n. 13/a, Venezia) sarà presentato il volume: Humanistica marciana. Saggi offerti a Marino Zorzi, a cura di Simonetta Pelusi e Alessandro Scarsella, prefazione di Massimo Cacciari, Milano, Biblion Edizioni, 2008.

Saluto del Consigliere Regionale Pietrangelo Pettenò (Presidente di Marco Polo System g.e.i.e., sponsor della pubblicazione).

Interventi di: Maria Letizia Sebastiani (direttore della Biblioteca Nazionale Marciana), Gino Benzoni (Fondazione Giorgio Cini), Giuseppe Gullino (Università degli Studi di Padova), Michele Gottardi (Ateneo Veneto). Saranno presenti i curatori.

Seguirà un aperitivo.

Direttore della Biblioteca Marciana per un ventennio, Marino Zorzi è stato protagonista della rinascita di uno dei più antichi istituti di cultura europei restituendogli, con un’infaticabile azione di ricerca, la dimensione internazionale adeguata alla sua tradizione.

La Biblioteca Marciana è infatti la più antica e illustre istituzione culturale della Repubblica Veneta della Serenissima, la sola ancor oggi funzionante, crocevia della cultura europea da secoli.
Sono qui raccolti, e offerti a Marino Zorzi, contributi di materia veneziana, veneta e adriatica, e cultural studies di ispirazione eterogenea ma legati, direttamente o indirettamente, al patrimonio delle raccolte marciane
” (Massimo Cacciari).

Maturato progressivamente in base alla natura dei contributi pervenuti, l’indice del presente volume offerto dai curatori a Marino Zorzi, quale segno di stima per il maestro e di gratitudine per l’amico, è andato configurandosi in due sezioni sensibilmente distinte.

La prima (fino a p. 154) a cura di Simonetta Pelusi, concentra studi di filologia e storia della cultura marciana e veneziana, con particolare riferimento alla Grecia e all’Europa Orientale (ma non senza la significativa finestra aperta verso l’occidente e la Spagna nell’articolo di Dennis E. Rhodes).

Apparentemente meno affine agli interessi di ricerca prioritari di Marino Zorzi, la seconda sezione (pp. 155- 265) a cura di Alessandro Scarsella, risulta proiettata attraverso i secoli della decadenza verso le letterature moderne e contemporanee in cui, in voci e figure di statura e prestigio eterogenei, memoria e tradizione del mito marciano non solo sopravvivono, ma sembrano talora sotterraneamente radicare i propri valori nell’immaginario collettivo.

Quello che accomuna le due parti della miscellanea è a ben vedere (e inevitabilmente) il rapporto costante, ora esplicito, ora implicito, delle singole indagini raccolte con i fondi manoscritti e con la collezione libraria antica e moderna della Biblioteca Marciana, quindi con le potenzialità ancora intatte del suo sterminato catalogo.

Chiudono il volume tre saggi bibliografici, corredati da apparato di indici, tendenti a posizionare l’opera di Marino Zorzi all’interno del preciso contesto in cui si esprime il suo apporto di conoscenza, promozione e innovazione, sempre generoso e perfino prodigo di doni e insegnamenti umanistici per i suoi collaboratori.

Per ulteriori informazioni:

Biblioteca Nazionale Marciana
Piazzetta San Marco 7 - 30124 Venezia
Tel: 0.41.24.07.21.1 - Fax: 0.41.52.38.80.3

Ufficio Stampa:
Annalisa Bruni
tel. 041.24.07.23.8
e-mail: bruni@marciana.venezia.sbn.it