Incontro: Concepire l'infinito

Una Filosofa in dialogo con un Poeta
Venerdì, 30 Settembre 2011

Venerdì 30 settembre 2011, dalle ore 16.30 alle ore 18.45, nell’Antisala della libreria Sansoviniana (Piazzetta san Marco 13/a, Venezia) la Biblioteca Nazionale Marciana, organizza con La Settima Stanza-scuola di poesia, in collaborazione con il Centro Donna del Comune di Venezia, l’incontro: "Concepire l'infinito. Una Filosofa in dialogo con un Poeta".
Con Annarosa Buttarelli e Davide Rondoni.

Annarosa Buttarelli insegna Ermeneutica Filosofica e Filosofia della storia presso l’Università di Verona e dal 1988 fa parte della Comunità filosofica Diotima, nei dieci volumi della quale ha pubblicato numerosi saggi. Dal 1997 è nella redazione della rivista “ Via Dogana. Rivista di pratica politica” della Libreria delle donne di Milano. Ha ideato e dirige la Scuola di Cultura Contemporanea di Mantova e partecipa del gruppo che ha ideato e organizza Festivaletteratura. E’ impegnata nella realizzazione di un Master universitario di secondo livello presso l’università di Verona finalizzato per la prima volta in Italia alla formazione delle filosofe e dei filosofi pratici.

Fra le numerosissime pubblicazioni, si ricordano: “Per amore di altro. L’empatia a partire da Edith Stein” , Cortina, Milano, 2000, “Una filosofa innamorata. Maria Zambrano e i suoi insegnamenti”, Bruno Mondatori, Milano 2004; a sua cura sono pubblicati.tra gli altri volumi, “Concepire l’infinito”, La tartaruga, Milano 2004, “La passività. Un tema filosofico-politico in Maria Zambrano”, Bruno Mondatori, 2006, “Il pensiero dell’esperienza” , Baldini Castoldi Dalai editore, 2008.

Davide Rondoni, poeta, drammaturgo, critico, insegna all’Università di Bologna presso cui ha fondato e dirige il Centro di Poesia Contemporanea. Oltre che a Bologna, tiene corsi di poesia e di letteratura in altre università italiane e negli USA .
È direttore artistico del festival Dante 09 di Ravenna e svolge un’intensa attività pubblicistica. In particolare, ha fondato e tuttora dirige la rivista clanDestino, è opinionista di Avvenire e critico letterario nel supplemento domenicale de Il Sole 24 Ore.

Fra le sue numerosissime pubblicazioni poetiche: Il bar del tempo, Guanda, 1999, Avrebbe amato chiunque, Guanda 2003, Compianto, Vita, Marietti 2003, Vorticosa, dipinta, Marietti 2006, Apocalisse, amore, Mondadori 2008. Numerose le opere teatrali e i saggi, di cui il più recente è Contro la letteratura, Il Saggiatore, 2010.

Concepire l’infinitoè il titolo della sezione poetico-filosofica Poesia e Infinito appartenente al ciclo Poesia-Infinito reale, organizzato per l’anno 2011 da “La Settima Stanza- scuola di poesia ", in collaborazione con il Centro Donna del Comune di Venezia.

Con tale proposta, le curatrici hanno inteso condurre, in ogni incontro, la poesia accanto alla filosofia , interrogandole entrambe attraverso alcune fondamentali parole-chiave della loro poetica, in un itinerario che assume ogni traccia dell’infinito reale come relazione, di cui e la poesia e la filosofia riescono a svelare sorprendenti e rivelativi suoni e volti, il cui senso è inesauribile.

La Settima Stanza- scuola di poesia è un’associazione culturale attiva a Venezia dal 2003 e dedita alla ricerca poetica attraverso l’ascolto e la produzione nella forma di laboratori di scrittura e seminari a cui sono invitate le poete e i poeti tra i più rappresentativi della poesia contemporanea, italiana e straniera.
Le interrogazioni che la poesia solleva e prossime alla filosofia e talvolta alla mistica, come nell’incontro proposto, inducono a un ascolto di sé e dell’altra/o assunto, nelle pratiche di scrittura, a materia poetica primaria.

Il confronto tra la filosofa e il poeta invitati sul "concepire l’infinito" sarà una testimonianza, forse tuttora poco esplorata, di un’apertura di confini tra due modalità conoscitive così liberate dai recinti abituali.

Per informazioni su programmi de "La Settima Stanza" rivolgersi a:
Laura Guadagnin, lauraguadis@libero.it,
Grazia Sterlocchi, graziams@libero.it