Inaugurazione della mostra: Cantus planus. Notazione musicale bizantina in codici marciani

Lunedì, 21 Luglio 2014

Lunedì 21 luglio 2014, alle ore 17.00, sarà inaugurata la mostra “Cantus planus. Notazione musicale bizantina in codici marciani”, con ingresso da Piazzetta San Marco 13/a. Saluti di Maurizio  Messina, direttore della Biblioteca Nazionale Marciana, Giorgio Busetto, direttore della Fondazione Ugo e Olga Levi onlus, e Luisa Zanoncelli, presidente del Comitato scientifico della  Fondazione Ugo e Olga Levi onlus. Interventi: Sandra Martani, Silvia Tessari, curatrici della mostra, Susy Marcon, Biblioteca Nazionale Marciana.

L’esposizione, dedicata  ai codici marciani con notazione musicale bizantina, è allestita nelle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana (Libreria Sansoviniana) dal 19 luglio al 1 agosto 2014, in concomitanza con la XVII edizione del convegno internazionale ‘Cantus Planus’, gruppo ufficiale di studio dell’International Musicological Society (IMS), congresso  di cui la Fondazione Ugo e Olga Levi onlus è  organizzatrice locale.

Alle Sale Monumentali della Biblioteca si accede dal Museo Correr (Ala napoleonica di Piazza San Marco) con biglietti del Percorso integrato dei Musei di Piazza San Marco; orario: 10.00-19.00, ultimo ingresso alle ore 18.00.

Tra le ricche e preziose collezioni della Biblioteca Marciana, i più di 1000 manoscritti musicali comprendono fra l’altro, oltre al fondo dei codici contariniani e al fondo Canal, con composizioni che vanno  dal XVI al XX secolo,  notevoli esempi di un repertorio finora poco studiato: quello dei manoscritti greci con notazione musicale.

Saranno esposti  14 codici marciani bizantini e postbizantini, databili dal X al XVII secolo, contenenti  testi con  notazione ecfonetica, necessaria alla cantillazione della Sacra Scrittura,  e melodica, impiegata per il canto degli innumerevoli  e diversificati  inni della Chiesa greca, e trattati teorici che spiegano  anche  il senso dei segni.

I manoscritti scelti a esemplificare i lineamenti della notazione bizantina nel corso della sua storia appartengono ad alcuni dei principali fondi della Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia: un codice bessarioneo, due Recanati, ben dieci appartenuti alla famiglia Nani, e uno proveniente dal monastero di San Michele di Murano.

Curatrici della mostra: Sandra Martani e Silvia Tessari, con la collaborazione di Susy Marcon, Orsola Braides, Anna Claut ed Elisabetta Lugato. Allestimento: Claudia Benvestito.

Ufficio stampa:
Annalisa Bruni
bruni@marciana.venezia.sbn.it
ufficiostampa@marciana.venezia.sbn.it