Conferenza di Pietro Lando “Imprenditori e capitali stranieri a Venezia (secc. XIX-inizio XX)”

Giovedì, 03 Novembre 2016

Giovedì 3  novembre 2016, alle ore 17.00, con la conferenza di Pietro Lando intitolata Imprenditori e capitali stranieri a Venezia (secc. XIX-inizio XX), prosegue la seconda parte del ciclo di incontri “Stranieri, barbari, migranti: il racconto della Storia per comprendere il presente” che la Biblioteca Nazionale Marciana intende dedicare al confronto con l'Altro nella Storia, un tema cruciale per il nostro presente a cui la Storia può offrire spunti di riflessione ed esperienze da cui trarre insegnamento.

Tutti gli appuntamenti del ciclo, ideato da Tiziana Plebani (Dipartimento Storia e Didattica della Biblioteca Nazionale Marciana), si terranno alla Libreria Sansoviniana (Piazzetta San Marco 13/a, Venezia). Saluto di Maurizio Messina, direttore della Biblioteca Nazionale Marciana

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

La Venezia del XIX secolo subisce i più grandi stravolgimenti politici, sociali, economici e urbanistici; dopo l’occupazione asburgica, tuttavia, si mette in moto la ripresa economica e un’ennesima trasformazione produttiva: nasce l’industria moderna. È una Venezia giovane e dinamica che attrae, che accoglie, che assorbe gli imprenditori stranieri impegnati nella rinascita economica della città, rinascita che trasformerà definitivamente l’ex capitale della Serenissima.

Pietro Lando, laureato in Storia all'Università di Ca' Foscari, si occupa della storia di Venezia a cavallo tra XIX e XX secolo, con particolare riferimento alla tecnologia aeronautica. È autore dei volumi Le ali di Venezia, Padova 2013; Girolamo “Gino” Allegri, un protagonista della storia veneziana del volo, Mestre 2013 e Il sistema delle fortificazioni dei litorali, Venezia, 2012. Ha pubblicato numerosi articoli su argomenti di storia veneziana e di storia del volo su riviste italiane e straniere, tra cui I porti aereidellalagunain «Laboratoire Italien»,15 (2014). Collabora con il Museo storico navale di Venezia per il quale ha curato la mostra "Le ali di San Marco".